banner cms.jpg

Il PNNR 2022 nella continuità Ospedale-Territorio
nella Regione Marche

Senigallia - Hotel Raffaello
10-11 Novembre 2022

Referenti Scientifici: Chiara Rossi, Andrea Caprodossi, Andrea Marinozzi

ID ECM *357842

Ore Formative  6 

Crediti ECM  6 

ISCRIZIONI CHIUSE
per raggiungimento n. max. posti disponibili

L’Unione Europea ha risposto alla crisi pandemica con il Next Generation EU (NGEU), che rappresenta per l’Italia un’opportunità imperdibile di sviluppo, investimenti e riforme. L’Italia è la prima beneficiaria, in valore assoluto, dei due principali strumenti del NGEU: il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF) e il Pacchetto di Assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori d’Europa (REACT-EU). Il solo RRF garantisce risorse per 191,5 miliardi di euro, da impiegare nel periodo 2021- 2026, delle quali 68,9 miliardi sono sovvenzioni a fondo perduto. Le sei Missioni del Piano sono: digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per una mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; inclusione e coesione; salute. Il corso ha l’obbiettivo di valutare come la politica della Regione Marche sul PNRR, la sensibilità messa in campo per canalizzare gli investimenti programmati, secondo le disposizioni in cui si articola la missione 6, essenzialmente distribuita in due componenti:
• Reti di prossimità, strutture intermedie e telemedicina per l'assistenza sanitaria territoriale: gli interventi di questa componente intendono rafforzare le prestazioni erogate sul territorio grazie al potenziamento e alla creazione di strutture e presidi territoriali (come le Case della Comunità e gli Ospedali di Comunità), il rafforzamento dell'assistenza domiciliare, lo sviluppo della telemedicina e una più efficace integrazione con tutti i servizi socio-sanitari
• Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale: le misure incluse in questa componente consentiranno il rinnovamento e l'ammodernamento delle strutture tecnologiche e digitali esistenti, il completamento e la diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), una migliore capacità di erogazione e monitoraggio dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) attraverso più efficaci sistemi informativi. Rilevanti risorse sono destinate anche alla ricerca scientifica e a favorire il trasferimento tecnologico, oltre che a rafforzare le competenze e il capitale umano del SSN anche mediante il potenziamento della formazione del personale