logo bianco.png

2° Congresso Nazionale dell'Accademia di Geriatria

Domus Pacis Assisi
30 Settembre - 2 Ottobre 2021

Invecchiamento, fragilità cognitiva e demenza: un percorso NON obbligato
in un mondo sempre più anziano

Presidente del Congresso: Patrizia Mecocci

AdobeStock_270740509.jpeg
 

DAL 3 AL 5 OTTOBRE 2021

L’invecchiamento della popolazione sta caratterizzando i paesi occidentali determinando una modificazione della struttura sociale, economica e sanitaria in tempi estremamente rapidi, con un cambiamento radicale nel concetto di salute e nell’approccio alle malattie. Dalla visione centrata sulla malattia, che ha caratterizzato per secoli la formazione e la metodologia medica, si è passati a quella centrata sulla persona, rappresentata oggi in particolare dalla persona anziana portatrice di più patologie croniche che richiedono una gestione più complessa ed una cultura più duttile ed ampia per quanto riguarda il concetto di salute e di benessere. In particolare sono in costante aumento tra gli anziani malattie neurodegenerative, come le demenze, che hanno un esordio subdolo ed un andamento lentamente progressivo, la cui origine, patogenesi e progressione appaiono molto più articolate e proteiformi rispetto all’idea di “una causa-una malattia”. L’invecchiamento rappresenta senza dubbio la base biologica di quei cambiamenti dei vari organi e sistemi che portano alla condizione di fragilità, frutto della disregolazione dei sistemi integrati che garantiscono all’organismo l’efficienza adattativa funzionale che chiamiamo salute. Negli ultimi anni, accanto al concetto di fragilità fisica si sta delineando quello di fragilità cognitiva, dove il progressivo declino delle funzioni cognitive conduce alla perdita dello stato di benessere e di autosufficienza della persona. Ma è possibile contrastare o almeno rallentare quei processi di invecchiamento che conducono alla fragilità? Molti sono i fattori che si stanno studiando a questo proposito: caratteristiche genetiche, stile di vita, esposizione a sostanze tossiche o inquinanti, tipo di lavoro, alimentazione, carenze di micro e macronutrienti, status di infiammazione cronica, malattie, l’uso inappropriato, sia in eccesso che in difetto, di farmaci.
Con questo congresso, aperto a tutte le figure professionali che si occupano di invecchiamento nei suoi aspetti biologici, clinici e terapeutici, si vuole cercare di offrire una definizione chiara e condivisa della fragilità cognitiva, punto di partenza per individuare le migliori strategie di prevenzione, di cura e di gestione di molte condizioni che favoriscono l’insorgere di malattie spesso gravemente invalidanti per arrivare a proposte che portino sempre più frequentemente a confrontarci con soggetti che pur in età avanzata e molto avanzata possano godere di un buono stato di benessere psico-fisico e di autosufficienza funzionale.

Image by Francesco Baistrocchi
 

INVITED FACULTY

Fabrizio Asioli, Reggio Emilia
Luisa Bartorelli, Roma
Cecilia Becattini, Perugia
Luigi Bergamaschini, Milano
Marco Bertolotti, Modena
Aldo Biolcati, Novara
Virginia Boccardi, Perugia
Paolo Bovi, Verona
Stefano Brancorsini, Perugia
Antonino Cattaneo, Pisa
Rabih Chattat, Bologna

Rosanna Cola, Lamezia Terme (CZ)

Carlo Colosimo, Terni

Patrizia D’Amelio, Losanna

Claudio Franceschi, Bologna

Laura Fratiglioni, Stoccolma

Maria Grazia Proietti, Terni

Franco Rengo, Napoli

Carmelinda Ruggiero, Perugia

Carlo Sabbà, Bari

Pierluigi Scapicchio, Roma

Umberto Senin, Perugia

Stefano Sensi, Chieti

Davide Seripa, Lecce

Vincenzo Solfrizzi, Bari

Anna Laura Spinelli, Spoleto (PG)

Alberto Trequattrini, Perugia

Claudio Vampini, Verona

Mauro Zamboni, Verona

Marco Zoli, Bologna        

Stefano Fumagalli, Firenze

Maurizio Gallucci, Treviso

Giovanni Gambassi, Roma

Antonio Guaita, Abbiategrasso (MI)

Giancarlo Isaia, Torino

Enzo Manzato, Padova

Patrizia Mecocci, Perugia

Roberto Monastero, Palermo

Fabio Monzani, Pisa

Giuseppe Nocentini, Perugia

Patrizio Odetti, Genova

Leonardo Pantoni, Milano

Lucio Patoia, Foligno (PG)

Matteo Pirro, Perugia

Maria Cristina Polidori, Colonia

Domenico Praticò, Philadelphia

aBSTRACT

Nell’ambito del congresso è prevista una Sessione di Comunicazioni; saranno selezionati dal Comitato Scientifico dell’Accademia di Geriatria 5 abstract fra quelli pervenuti. Ogni iscritto al Congresso può essere co-autore di non più di 1 comunicazione. Almeno uno degli autori deve essere iscritto al Congresso. La dead line per l’invio dell’abstract è fissata al 22 Agosto 2021 e non è prorogabile.


Gli abstract devono essere scritti in italiano con lunghezza massima di 2.500 caratteri.


L’ accettazione dei contributi scientifici, unitamente alle informazioni sulla data, sessione e modalità di presentazione verranno comunicate entro il 20 Settembre 2021. Gli abstract selezionati saranno inclusi nel programma solo se l’Autore è iscritto al Congresso.

Deadline invio abstract 22 agosto 2021

 
 

SEDE CONGRESSUALE
Domus Pacis Assisi. Piazza Porziuncola 1, 06081, Santa Maria degli Angeli (PG)

INFO GENERALI

QUOTE DI ADESIONE
Socio Accademia di Geriatria ( In regola con le quote di adesione al 31 Luglio 2021) € 0,00
Non socio Medico Chirurgo > 35 anni € 183,00 (IVA inclusa)
Non Socio Medico < 35 anni e altre Professioni Sanitarie € 100,00 (IVA inclusa)
Cena 1 Ottobre 2021 € 45,00 (IVA inclusa) @ Parco dei Cavalieri - Viale Giacomo Matteotti, 47, 06081 Petrignano PG


La quota comprende la partecipazione all’evento congressuale e i servizi ristorativi come da programma